Antonella Pirozzi

90940502_10217041523012568_3885387472212852736_n.jpg

ANTONELLA PIROZZI

Di origini partenopee, Antonella Pirozzi trascorre l’infanzia e l’adolescenza in Svizzera. L’immagine femminile è un topos dell’artista alla quale ella affida il compito di esprimere i moti dell’anima con un linguaggio compositivo aperto alla contaminazione di supporti e tecniche, procedendo verso una progressiva rielaborazione delle forme e dei tratti, che ne definisce la peculiare espressione artistica. Marta Lock, critica d’arte, scrive di lei “con la sua pittura rappresenta in pieno ciò che oggi appartiene alla normalità, cioè quel senso di instabilità che in questo caso, come nella società contemporanea, ha un’accezione positiva: sì perché è proprio grazie al viaggio, alla scoperta di nuovi e inediti punti di vista e di abitudini, che l’essere umano, pur allontanandosi a volte gli affetti più radicati, si arricchisce e acquisisce consapevolezza di sé e al tempo stesso comprende l’importanza della contaminazione culturale, educativa”. La primissima produzione di Antonella la identifica come pittrice di paesaggi, con nuance condizionate dalla gravità dei temi illustrati, con specifici riferimenti alla questione dell’immigrazione con scene di efferata crudezza. Nel corso degli anni la sua tavolozza si addolcisce e le tinte morbide e carezzevoli sottolineano una condizione di equilibrio e quiete acquisiti, di attimi sussurrati, descritti e vissuti nella consapevolezza che la felicità risiede esattamente nelle piccole gioie quotidiane. Puntuali i riferimenti alle scene di Chagall e al figurativo di Klimt, con esiti tipici dell’impressionismo nella stesura dei colori eseguita con pennellate grandi, quadrate a creare un ambiente magico, irreale nel quale le figure galleggiano in energici mondi cromatici. Alessia Latini parla di un regno delle emozioni e dell’armonia dove alla semiotica dei colori è affidato il compito di oltrepassare i contorni delle figure per diffondersi, sulla tela, i sentimenti, vissuti e anelati nella gestualità esplicita o meditata delle figure, per una narrazione mai fine a sé stessa.

2021 Proiezione opere con associazione Solidarte di Latina a Piazza del Popolo

Mostra Virtuale internazionale la Pasion del color, a cura della Casa de la Cultura Gruppo Bolivar

Mostra Itinerante a cura del Prof. Giorgio Gregorio Grasso "La Divina Commedia presso Complesso di Rocca Brivio S. Giuliano milanese e Rocca dei Principi Colonna Castelnuovo di Porto

Riarteco: il riconoscimento al rifiuto, varie sedi in Italia

2020 Rassegna internazionale di arte contemporanea “Dialoghi di Pace”, presso Sala Espositiva della Grande Moschea di Roma

2019 Mostra collettiva di arte contemporanea “Colorful Autumn”, presso Centro Culturale dell’Ambasciata della Repubblica Araba d’Egitto, evento inserito nella manifestazione RAW (Rome Art Week)

2019 Esposizione “Genio e simbolismo nell’arte contemporanea”, Direttore artistico Maria Grazia Londino, presso Tornatora Art Gallery, Roma

2018 Premio d'Arte “Il Giocattolo”, presso Palazzo Rospigliosi – Zagarolo (RM)

2017 Mostra collettiva di arte contemporanea “Colori in Villa”, presso Villino Corsini, Complesso museale di Villa Pamphili

Coltivatrici di speranza - tecnica mista - 60x80.jpg
Parabola d'amore - tecnica mista- 80x80.jpg