Egidio Scardamaglia

EGIDIO SCARDAMAGLIA

Una profonda esperienza visiva porta ad una delicata sensazione emotiva. Scomporre ciò che sembra intoccabile e renderlo concreto attraverso la lettura delle immagini e dei colori è la missione possibile di Egidio Scardamaglia.

La sua arte, la sua poliedrica attività di pittore, incisore e poeta raggiunge il massimo dell’espressività quando crea contenuti e forme nuove di un modo di essere e di esprimersi. La sua è una riflessione sulla meraviglia della vita e sulla sua incontrollabile caducità.

La bellezza, l’aspettativa, la famiglia, la gioia, il dolore e il futuro fioriscono nei colori forti e nella gioventù della donna che si pone al centro dei pensieri e al centro dell’universo con una fragile e tenera maternità. La natura corrobora ogni inquadratura; la riempie e la completa con una presenza libera e costante. Il simbolico senso della frutta alimenta il pensiero della dolcezza, della maturazione di un progetto, di una aspettativa e nasconde volutamente la percezione del tempo che in quel fiore profumato, ma reciso, rivela l’inesorabile attesa.

 Vera combinazione di sogno e realtà che si sovrappongono l’uno all’altra nei percorsi dell’uomo che non crede al destino.

Nella dolcezza delle inquadrature e nei panorami mozzafiato Egidio sa donare la splendida illusione di una fuga dal tempo.

Una fuga sostenuta anche con il suo carattere e la genialità pittorica che crea originali atmosfere e appassionati innamoramenti.

Che l’ambiente sia una parete, un lago o la montagna, un calore istintivo è costantemente presente.

Nell’opera “Attesa al chiaro di luna” tra la figura femminile e la natura nasce un dialogo creativo di cui la donna è protagonista; diventa musa ispiratrice e sentimento d’amore, simbiosi cromatica di cui si nutre la vita di un artista.

Lei sembra essere sola, ma tra percezioni ed equilibri è già famiglia.

Anche nel suo modo di porsi artisticamente Egidio attraversa i tempi con il suo classicismo sentimentale, il suo realismo velato, il suo impressionismo di panorami dolcemente malinconici, il suo emozionante espressionismo, il suo simbolismo sospeso tra realtà e sogno sfrenato, ma, soprattutto, attrae la sua modernità sfacciata, vissuta come una vera e infinita rivoluzione artistica.

Francesco Zero

1.La chitarrista.jpg
DSCN1751 72 DPI.jpg
unnamed (1).jpg
18.Attesa al chiaro di luna.jpg
22.LaLettera.jpg
DSCN0299 72 DPI.jpg
9.Venus.jpg
DSCN2667 ritagliato II version.jpg
11.Passeggiata con il cane.jpg
download.jpg

galleria purificato.zero © 2020 | Design by Matrix |

  • Facebook
  • YouTube
  • Black Icon Instagram
  • Black Icon Pinterest